Energie rinnovabili

Energie rinnovabili

JATROPHA MA.NI.FRA
( varietà da noi sviluppata, non tossica )

FG 1926 s.r.l. è più di anni 15 che lavora per migliorare una particolare varietà di Jatropha.
In questi anni il “migliorarla” ci ha permesso di renderla: non tossica, più produttiva più resistente alle malattie.
Già dal secondo/terzo anno è economicamente positiva!!
Questa particolare varietà è stata testata in varie nazioni, presso i nostri vivai in : India , Zambia e Tunisia
La Jatropha è una pianta che vive con pochissima acqua, ai margini delle zone desertiche. 
Se coltivata in zone piovose o irrigata è sorprendentemente rigogliosa e produttiva.
Oggi la nostra varietà Jatropha MA.NI.FRA è particolarmente performante.
Oltre ad avere superato i limiti imposti dalla Comunità Europea per tossicità è particolarmente produttiva e resistente alle malattie.
Una piantagione già dal terzo quarto anno l’investimento si è ripagato .

Da una azienda agricola con una piantagione di Jatropha MA.NI.FRA si ricavano una serie di prodotti diretti e una serie indiretti :

Prodotti diretti :

Olio
Farina
Carbon di Credit
Legno
Lotta alla desertificazione
Assunzione di manodopera locale

Prodotti indiretti :

Miglioramento del territorio
Distribuzione degli stipendi sul posto
Strade 
Luce elettrica
Una scuola
Un centro sperimentale
Una primo pronto soccorso

Dati ai villaggi locali, in modo da fermare il taglio indiscriminato delle foreste diminuendo la deforestazione indiscriminata di queste zone già prive di legname.Il Seme della Jatropha MA.NI.FRA è composto da tre componenti principali, all’incirca equivalenti per peso, ogni uno mediamente un 33% e sono : OLIO, FARINA e LEGNO

Il seme ha circa un 30/35% del suo peso d’olio. Olio sia per alimentazione di un sapore gradevole, oppure lo si può usare come biodiesel.Sempre nel seme c’è un 30% di farina (non tossica) e particolarmente performante.
Contiene normalmente dal 60% al 64% di proteine vegetali. Circa una volta e mezza i valori della farina di soia. Oppure gli stessi valori della farina di pesce.
Chiaramente con i vantaggi di una farina vegetale, ovvero coltivabile e rinnovabile è molto più digeribile e tutto rispettoso dell’inquinamento

Gli scarti rimanenti circa un 30% del peso seme e la buccia esterna che di fatto è legno.
Oltre alla corteccia esterna del seme dalla pianta si ricavano annualmente le potature dei rami con i quali si fa pallet di legno .

Non dimentichiamo le piante, con la loro crescita creano moltissimi carbon credit.
I quali sono già stati certificati e accettati dalla Comunità Internazionale. 
Ogni n° 4/5 piante in anni 10 producono n° 1 credito o ton 1.

Un ettaro con circa n° 2000 piante da n° 500 crediti di carbonio in 10 anni!

Ogni n°4/5 ettari di piantagione da vivere una famiglia locale.
La pianta vive dai anni 40 a 50. Garantendo una certa agiatezza in quelle regioni.

Un ettaro con n°1850/2000 piante in piena produzione (irrigato) può dare circa kg 60.000 a kg 80.000 di seme.

Dal seme si ricavano tre prodotti : olio , farina e pallet.

La pianta oltre al seme produce: crediti di carbonio e le potature.
Potature annuali consigliate per facilitare la raccolta dei frutti e la coltivazione.

Da cui si ricava circa i seguenti prodotti:

Olio  kg 20.000/24.000 
Farina kg 18.000/22.000
Pallet di legno kg 22.000/24.000
Carbon Credit n° 400/600 (in anni 10)
Potature kg 20.000/25.000

Poche righe, per cercare di darvi un’idea delle potenzialità della JATROPHA MA.NI.FRA,cercando di utilizzare un linguaggio semplice comprensibile anche ai non addetti.

Da un ettaro in produzione coltivato a JATROPHA MA.NI.FRA si può incassare circa € 4.300 / 4.500!!!! dipende dai valori della borsa delle merci!!

Coltivazione in India

Coltivazione in Tunisia

Coltivazione in Zambia

 
  • /index.php/agricoltura-innovativa
  • /index.php/mission